• Blog
  • by Cristiana Ubaldi
  • 2 Dicembre 2022
  • 0

Aumentano sempre di piĂą le prove scientifiche sulla correlazione tra l’esposizione a sostanze interferenti endocrine, la disbiosi intestinale (cioĂ© uno squilibrio della flora batterica dell’intestino) e l’infertilitĂ .

Una nuova analisi del gruppo GeneraLife, in collaborazione con il Laboratorio di Biologia dello Sviluppo dell’UniversitĂ  di Pavia, pubblicata sulla rivista ‘Cells’, offre un’inedita panoramica sull’intricata relazione tra sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino, microbiota intestinale e salute riproduttiva.

Gli interferenti endocrini sono presenti in solventi, plastiche, pesticidi, ma purtroppo anche negli alimenti, e inducono danni all’intestino attraverso diversi meccanismi d’azione, portando a disbiosi, permeabilitĂ  intestinale e infiammazione cronica di basso grado, condizioni legate a diverse malattie, compresa l’infertilitĂ . Inoltre, quando si verifica una condizione disbiotica durante la gravidanza o nel primo periodo post-natale, questo può portare a effetti dannosi ancora peggiori, incidendo sulla formazione nel bambino di un microbiota intestinale sano, con conseguenti implicazioni per la sua salute.

Nell’era della medicina di precisione, sottolineano gli autori dello studio, una migliore comprensione del ruolo del microbiota intestinale nella riproduzione apre la possibilitĂ  di sviluppare nuove strategie per prevenire o curare l’infertilitĂ . “Secondo la nostra tesi – evidenzia Gemma Fabozzi, primo autore del lavoro e responsabile area Nutrizione e fertilitĂ  del gruppo GeneraLife – lo squilibrio del microbiota intestinale potrebbe essere l’anello di collegamento tra l’azione degli interferenti endocrini e l’infertilitĂ  maschile e femminile. Ma è possibile intervenire, attraverso l’adozione di strategie nutrizionali specifiche da parte della donna alla ricerca di una gravidanza, con l’integrazione specifica e mirata di probiotici e prebiotici”.

Per consultare l’abstract dello studio clicca qui

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *